22.4 C
Rome

Ufficiale: Il prossimo inverno ci scalderemo con il calore dei fratelli ucraini

Must read

Alla sinistra senza un programma rimangano solo gli slogan: Lotta al fascismo e agenda Draghi.

La campagna elettorale del pd è appena iniziata ma sta già assumendo dei contorni esilaranti. Letta sta dimostrando...

Perchè preferire una vera coalizione antisistema al centrodestra di Giorgia Meloni.

A me la Meloni piace, sia chiaro. Mi piacciono le sue idee, non tutte ma la maggior parte,...

Tutto secondo copione: Ricominciano con il vile ricatto del mostro spred.

Come avevo previsto nelle scorse settimane le vedovelle di Draghi ritornano subito all’assalto con la stucchevole retorica dei...

Crisi di governo: Non c’è niente di più fascista dei sedicenti democratici.

L’esperienza di governo del peggior presidente del consiglio della storia volge finalmente al termine. Mattarella si appresa a sciogliere le camere e...

Spiace dover dire io ve lo avevo detto, specialmente quando si azzecca una profezia catastrofica, ma anche questa volta mi tocca ripeterlo, io ve lo avevo detto…

Quello che era nell’aria oggi diventa magicamente realtà, dopo l’infelice uscita di ieri di Draghi sulla scelta tra la pace e i condizionatori, l’Europa vara definitivamente l’embargo al petrolio e al gas russo. D’altro canto come avevamo scritto nei precedenti articoli c’era un motivo evidente del perchè tutta questa propaganda proucraina, ed il motivo è che era già tutto deciso a tavolino fin dall’inizio. La propaganda era propedeutica e necessaria per convincere l’opinione pubblica a morirsi di freddo gaudenti nel prossimo inverno, fieri di farlo per fare un dispetto a Putin. Moriamoci di freddo per i nostri fratelli ucraini (che fino al mese scorso volevamo buttare nei campi di sterminio perchè non vaccinati ndr) is the new muriamoci in casa vivi per salvare i nonni”.

Premetto che per azzeccare questa previsione non è necessaria la palla di vetro perchè ormai lo schema di plagio dell’opinione pubblica è tanto scontato quanto consolidato. Il primo passo è creare il pericolo, prima il covid ora la guerra, poi bisogna creare il nemico, prima i negazionisti no vax e ora i russi e alla fine immancabilmente arriva il dessert, prima le segregazioni razziali oggi l’inverno senza acqua calda e termosifoni. Io ero sicuro fin dall’inizio di dove volevano andare a parare , ma che la previsione fosse azzeccata ne avevo già avuto la conferma quando in conferenza la vicepresidente del parlamento Europeo ha iniziato a dire di lavarsi di meno per fare un dispetto a Putin sic. Dopo nemmeno due giorni le sue parole sono state riprese prima da Letta, poi da alcuni parlamentari del movimento 5% ( se ci arrivano al 5%) e infine ieri da Draghi con l’infelice uscita sui condizionatori. Hanno fatto uguale uguale alla segregazione razziale per i non bucati, stesso schema identico. Prima qualcuno la butta la, poi qualcun’altro lo riprende e s’inizia piano piano a preparare il terreno per convincere l’opinione pubblica ad accettare l’inaccettabile, fino a quando magicamente l’atroce penalizzazione non diventa realtà.

La verità è sempre una, siamo in mano a dei folli narcisisti perversi il cui unico fine è rovinarci la vita, perchè lo fanno? Semplice, un pò lo fanno perchè appunto sono dei narcisisti perversi e un’altro pò lo fanno perchè un popolo depresso e impoverito è ancor più facile da sottomettere.

Ovviamente adesso inventeranno un nomignolo per screditare tutti coloro che si opporranno a questa follia, credo che i noacquafredda sia perfetto e ricomincerà la solita crociata a cui abbiamo assistito contro coloro che hanno avuto l’ardire di rifiutare il sacro siero che causava “solo” 21 invalidi ogni 100.000 buchi.

Se credete che ce la caveremo con un semplice triplicazione del prezzo delle utenze mi dispiace deludervi, non sarà cosi. Senza il gas russo siamo condannati a rimanere senza utenze e quel poco che ne potremo ancora godere, ne godremo prezzi folli. Per non parlare poi delle aziende che chiuderanno e di milioni di operai che non avranno di che mangiare. Ma questo poco importa ai piddio/covidioti che per il 99,9% sono tutti statali. Ovviamente a pagare tutto questo come sempre sarà solo il popolo mentre gli statali facazzisti al potere continueranno a godere di tutti i confort nelle loro sontuose proprietà con pannelli solari e batteria d’accumulo.

Non vedo l’ora che arrivi il prossimo inverno per vedere tutti i piddio/covidioti cantare sul balcone mentre si riscaldano con il calore dei fratelli Ucraini, ne vedremo delle belle statene certi.

Nonostante il momento tragico rimane dentro di un piccolo barlume di speranza: Sia mai che la doccia fredda a Dicembre riesca a svegliare coloro che, ormai completamente lobotomizzati dalla propaganda, accettano tutte le folli decisioni, di questo carrozzone chiamato Ue, supinamente. D’altro canto da che mondo e mondo il secchio di acqua gelata è sinonimo di risveglio, anche se con i covidioti la vedo dura la speranza che si sveglino, dentro di me, sarà l’ultima a morire!

- Advertisement -

More articles

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -

Latest article

Alla sinistra senza un programma rimangano solo gli slogan: Lotta al fascismo e agenda Draghi.

La campagna elettorale del pd è appena iniziata ma sta già assumendo dei contorni esilaranti. Letta sta dimostrando...

Perchè preferire una vera coalizione antisistema al centrodestra di Giorgia Meloni.

A me la Meloni piace, sia chiaro. Mi piacciono le sue idee, non tutte ma la maggior parte,...

Tutto secondo copione: Ricominciano con il vile ricatto del mostro spred.

Come avevo previsto nelle scorse settimane le vedovelle di Draghi ritornano subito all’assalto con la stucchevole retorica dei...

Crisi di governo: Non c’è niente di più fascista dei sedicenti democratici.

L’esperienza di governo del peggior presidente del consiglio della storia volge finalmente al termine. Mattarella si appresa a sciogliere le camere e...

Giunge al termine l’epopea del bibitaro che divenne ministro?

Ormai del ministro Of Maio non rimane più nemmeno la brutta copia di copia di se stesso. Sono lontani...