22.4 C
Rome

Di Maio espelle trenta diplomatici russi, la guerra è più vicina?

Must read

Alla sinistra senza un programma rimangano solo gli slogan: Lotta al fascismo e agenda Draghi.

La campagna elettorale del pd è appena iniziata ma sta già assumendo dei contorni esilaranti. Letta sta dimostrando...

Perchè preferire una vera coalizione antisistema al centrodestra di Giorgia Meloni.

A me la Meloni piace, sia chiaro. Mi piacciono le sue idee, non tutte ma la maggior parte,...

Tutto secondo copione: Ricominciano con il vile ricatto del mostro spred.

Come avevo previsto nelle scorse settimane le vedovelle di Draghi ritornano subito all’assalto con la stucchevole retorica dei...

Crisi di governo: Non c’è niente di più fascista dei sedicenti democratici.

L’esperienza di governo del peggior presidente del consiglio della storia volge finalmente al termine. Mattarella si appresa a sciogliere le camere e...

Fin dal primo momento di questo conflitto, come ho già scritto nei precedenti articoli, si capiva dal comportamento dei media che qualcosa non andava. Si aveva la netta sensazione che tutto fosse già scritto e che l’Italia era già pronta ad entrare in guerra dal primo giorno e bisognava solo convincere l’opinione pubblica. E’ di stamane la notizia dell’espulsione da parte del prode Of Maio di trenta diplomatici russi dall’Italia e permettetemi di dirlo senza giri di parole, è una notizia terribile. Che fossimo governati da dei cialtroni penso fosse evidente da sempre, ma mai avrei creduto che questi pazzi potessero arrivare a questo punto. La guerra va sempre condannata come ho già scritto nei precedenti articoli ed era proprio quello che andava fatto. Bisognava condannare la Russia a parole ma poi bisognava ribadire che la Russia per noi era un partener strategico di cui non possiamo fare a meno e fermarsi li. Nessuna sanzione, nessuna campagna mediatica contro la Russia, nemmeno un fucile agli ucraini, niente di niente, andavano mantenuti i buoni rapporti e fare gli gnorri. Per due anni ci hanno detto che la libertà non contava niente e che contava solo la salute oggi ci chiedono di rischiare la vita per la libertà degli ucraini, ai quali è bene specificare che Putin non vuole togliere nessuna libertà, tranne quella di entrare nella Nato e piazzargli testate nucleari a 300 km da Mosca.

Dopo quest’ultima scellerata mossa gli scenari che si delineano sono due: Male che ci vada i cialtroni ci porteranno la guerra in casa, bene che ci vada non finirà con le bombe ma Putin stanco di tutte le provocazioni chiuderà il rubinetto del gas e li saranno veramente cavoli amari. Come tutte le cose della vita non ci si rende conto di quanto siano importanti fino a quando non si perdono e anche in questo caso solo dopo che Putin avrà staccato il gas capiremo, nostro malgrado, quanto era imporante. Li voglio proprio vedere i covidioti a cantare sui terrazzi mentre crepano dal freddo, pronti alla morte per i fratelli ucraini che, fino al mese scorso, volevano buttare dentro i forni crematori perchè non vaccinati. E attenzione a non sottovalutare la combo chiusura dei rubinetti più guerra!

A questo punto posso dirlo con convinzione, questa nazione non ha più speranza, chi può sia dia alla fuga e non si guardi più indietro.

- Advertisement -

More articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -

Latest article

Alla sinistra senza un programma rimangano solo gli slogan: Lotta al fascismo e agenda Draghi.

La campagna elettorale del pd è appena iniziata ma sta già assumendo dei contorni esilaranti. Letta sta dimostrando...

Perchè preferire una vera coalizione antisistema al centrodestra di Giorgia Meloni.

A me la Meloni piace, sia chiaro. Mi piacciono le sue idee, non tutte ma la maggior parte,...

Tutto secondo copione: Ricominciano con il vile ricatto del mostro spred.

Come avevo previsto nelle scorse settimane le vedovelle di Draghi ritornano subito all’assalto con la stucchevole retorica dei...

Crisi di governo: Non c’è niente di più fascista dei sedicenti democratici.

L’esperienza di governo del peggior presidente del consiglio della storia volge finalmente al termine. Mattarella si appresa a sciogliere le camere e...

Giunge al termine l’epopea del bibitaro che divenne ministro?

Ormai del ministro Of Maio non rimane più nemmeno la brutta copia di copia di se stesso. Sono lontani...