18.1 C
Rome

Chi finanzia la campagna pro vax del quotidiano La Repubblica?

Must read

Alla sinistra senza un programma rimangano solo gli slogan: Lotta al fascismo e agenda Draghi.

La campagna elettorale del pd è appena iniziata ma sta già assumendo dei contorni esilaranti. Letta sta dimostrando...

Perchè preferire una vera coalizione antisistema al centrodestra di Giorgia Meloni.

A me la Meloni piace, sia chiaro. Mi piacciono le sue idee, non tutte ma la maggior parte,...

Tutto secondo copione: Ricominciano con il vile ricatto del mostro spred.

Come avevo previsto nelle scorse settimane le vedovelle di Draghi ritornano subito all’assalto con la stucchevole retorica dei...

Crisi di governo: Non c’è niente di più fascista dei sedicenti democratici.

L’esperienza di governo del peggior presidente del consiglio della storia volge finalmente al termine. Mattarella si appresa a sciogliere le camere e...

Quella a cui stiamo assistendo in questi giorni è la più grande campagna pubblicitaria a cui abbiamo mai assistito nella storia, ma stavolta non è fatta per venderci un auto o un qualsiasi altro prodotto ma per convincervi a iniettarci una punturina magica.
La prima cosa che voglio dire è che io non sono un no vax. Ci tengo a dirlo perchè oggi essere considerati no vax equivale a essere considerati dei terrapiattisti malati di mente. Io sono un asentsion vax uno che dei vaccini non gli è mai interessato nulla nemmeno oggi che si parla solo di quello figuriamoci prima. La mia posizione nei confronti dei vaccini è neutra, da bambino ho fatto quelli obbligatori al tempo per legge e dopo di che non ci ho mai pensato un minuto di più in vita mia. Ma come sono certo di essere io un astension vax allo stesso tempo sono sicuro al 110% che i giornali Italiani con La Repubblica in testa siano dei pro vax a tutti gli effetti. La loro posizione sui vaccini non è assolutamente neutra e tanto meno disinteressata. Questo è evidente basta aprire il quotidiano e tutti i giorni siamo bombardati da articoli su articoli di quanto è bello e quanto è buono il vaccino. Ovviamente tutte le notizie contrarie a questa narrazione vengono censurate senza pietà, è di qualche giorno fa la notizia che in Norvegia ben 23 persone siano morte dopo l’inoculazione della punturina magica ma di tale notizia sul quotidiano voce del nuovo regime terapeutico nemmeno l’ombra, cosi come non troviamo nemmeno l’ombra di tutte le dichiarazioni di virologi di fama internazionale che hanno sollevato dubbi sulla sicurezza dello stesso. Nel momento in cui viene fuori una dichiarazione non in linea con l’ordine del discorso terapeuticamente corretto la nuova voce del regime terapeutico ha due scelte: Se possono ed hanno punti di appiglio per farlo daranno la notizia per poi distruggere a suon di diffamazioni colui che ha osato esprimersi in senso contrario alla nuova religione dominante dandogli del vecchio o del rincoglionito a seconda dei casi. Se non possono diffamarlo invece censureranno direttamente la notizia. Preferiscono fare un articolo sulle infermiere del policlinico di Bari che pubblicano un video su tik tok che fare un’articolo sulle importanti dichiarazioni di un premio nobel, e tutto questo secondo voi avviene in maniera casuale e disinteressata? Ma assolutamente no, of course!


E a questo punto la domanda sorge spontanea, chi finanzia tutto questo? Si perché non venitemi a raccontare che tutto questo sia fatto in modo disinteressato perché anche un bambino di 10 anni capirebbe che sotto c’è dell’altro. L’amore incondizionato e la fede cieca per il vaccino traspare in ogni articolo del quotidiano e tutto questo è evidente che non viene fatto per il semplice amore per la salute degli Italiani. Sono pagati per farlo e questo è evidente e non si tratta di essere complottisti per affermare tutto ciò.

E voi cosa ne pensate di tutt questo? Che cosa c’è sotto, chi finanzia tutto questo? Lasciate una risposta giù nei commenti!

- Advertisement -

More articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -

Latest article

Alla sinistra senza un programma rimangano solo gli slogan: Lotta al fascismo e agenda Draghi.

La campagna elettorale del pd è appena iniziata ma sta già assumendo dei contorni esilaranti. Letta sta dimostrando...

Perchè preferire una vera coalizione antisistema al centrodestra di Giorgia Meloni.

A me la Meloni piace, sia chiaro. Mi piacciono le sue idee, non tutte ma la maggior parte,...

Tutto secondo copione: Ricominciano con il vile ricatto del mostro spred.

Come avevo previsto nelle scorse settimane le vedovelle di Draghi ritornano subito all’assalto con la stucchevole retorica dei...

Crisi di governo: Non c’è niente di più fascista dei sedicenti democratici.

L’esperienza di governo del peggior presidente del consiglio della storia volge finalmente al termine. Mattarella si appresa a sciogliere le camere e...

Giunge al termine l’epopea del bibitaro che divenne ministro?

Ormai del ministro Of Maio non rimane più nemmeno la brutta copia di copia di se stesso. Sono lontani...